LA NOSTRA STORIA

Dalla fondazione nel 2005 ad oggi

Durante una bella giornata del mese di Maggio del 2005, Massimo Ramini e Tommaso Girotti stanno percorrendo in auto il Viale delle Terme direzione Bar Tennis, allora gestito da Erik Bonazzi.
A Ramini viene un'idea che condivide con Girotti: "Perchè non fondiamo una nuova Società Sportiva ?!?" - "Ma di Calcetto o di Basket?" - "Facciamo Basket???"
Arrivati al Bar Tennis, la domanda viene posta ad un incredulo Erik che, ben presto risponde in malo modo, poi però ripensandoci meglio qualche ora dopo approfondirà il discorso.
A Ramini bastarono pochi giorni per trovare altri consensi e fu così che il 20 Luglio 2005 nacque ufficialmente la società Olimpia Basket Castel San Pietro Terme con Soci fondatori Massimo Ramini, primo ed attuale Presidente della storia nerazzurra, Erik Bonazzi, in veste di Vice Presidente, Davide Bucci in qualità di tesoriere ed i consiglieri Tommaso Girotti e Manuel Trocchi, che allora stava giocando con i "cugini" della Virtus Castello in serie D.
Per iniziare cercammo di far si che i ragazzi che non trovavano spazio in Serie C, categoria in cui militava la prima squadra di Castello G.S. Pallacanestro, venissero a giocare nell'Olimpia ed il primo obiettivo fu riportare in campo Simone Corazza, nostro attuale Direttore Sportivo, che aveva smesso da circa 2 anni ma che accettò con entusiasmo la proposta.
Nel campionato di Prima Divisione, con Fabio Bugamelli in panchina, sfiorammo all'esordio la Promozione uscendo prima sconfitti in una finale a dir poco "condizionata" con Calderara, poi pur avendo vinto gli "spareggi" alle Moratello, quell'anno la FIP decise comunque di promuovere solo le vincenti delle finali e rimanemmo a bocca asciutta.
L'anno seguente, sotto la guida di Max Curti e grazie ad alcuni innesti importanti tra cui Manuel Trocchi e Davide "Brum" Barbieri, centrammo la vittoria del campionato nella finale di Anzola contro il Tema Bologna e salimmo in Promozione.
Poco dopo i festeggiamenti però perdemmo due punti di riferimento come coach Curti e Corazza, passati in C1 alla "Giesse", trovandoci costretti a riprogrammare tutto a partire dalla panchina che venne affidata al giovanissimo Alessandro Grilli, in precedenza vice di Curti, riuscendo a piazzare anche un colpo di mercato che rispondeva al nome di Riccardo Morandotti (4 scudetti, 1 Supercoppa Italiana, 1 Coppa dei Campioni con la Virtus Bologna ed 1 Coppa Italia con Verona). Nel marzo del 2007 si accarezzò anche il sogno David Rivers, ex NBA, che deliziò giocatori e staff con un allenamento sul parquet del PalaFerrari.
Arrivarono quindi un paio di stagioni piuttosto negative per i nostri colori, l'approdo di Marco Munzio in panchina non fece decollare il progetto e nella stagione 2008/09 non centrammo nemmeno l'obiettivo minimo dei play-off. La fiducia al coach bolognese venne rinnovata anche per la stagione seguente, rinforzando notevolmente il roster con gli arrivi dei gemelli Gardini e del bomber Massimiliano Midulla, ma alcune difficoltà di gestione videro l'esonero di Munzio e l'ingaggio in corsa dell'esperto Mauro Cappelletti. Al termine della regular-season riuscimmo comunque a conquistare il primo posto, ma al primo turno di play-off venimmo eliminati ai quarti e finimmo lì la nostra corsa.  
Nell'estate del 2010 si presentò la possibilità di acquisire il diritto sportivo di serie D della Virtus Pallacanestro del Presidente Angelo Dall'Aglio, che passò successivamente nelle mani di Adriano Raspanti, ci fu quindi la fusione delle due società e nacque così l'odierna Olimpia Castello 2010, per differenziarsi dalla precedente ragione sociale. Degna di nota, nella stagione 2010/11, la mascotte "Totò Tornado", supereroe mascherato che grazie ad originali coreografie di ballo intratteneva il pubblico durante l'intervallo delle partite casalinghe.
La permanenza in serie D durò altre 4 stagioni, le prime 2 sotto la guida di coach Midulla, poi sostituito da Marcello Duo, fino all'arrivo di Bruno Canè che centrò la vittoria del Campionato nella stagione 2015/16. Annata straordinaria nella quale, oltre al Campionato, vincemmo anche per la prima ed unica volta nella nostra storia la Coppa Marchetti, in finale a Castel Guelfo contro Argenta.
Seguirono alti e bassi in serie C Silver, a partire dalla stagione 2016/17 iniziata con Marco Savini e terminata con i "traghettatori" Canè e Luca Grassilli in panchina, stagione che verrà ricordata principalmente per l'inserimento nella seconda parte di campionato dell'americano Ian Carter, seguita dalla stagione 2017/18 con il colpo Federico Zambrini ed il ritorno sul parquet di Viale Terme del castellano Emilio Fimiani, sotto la guida di Giuliano Lo Perfido avvicendato in corsa dal vice Andrea "Mirtillo" Martinelli
Due stagioni di purgatorio fino all'emozionante promozione in C Gold nella stagione 2018/19 con Marco Regazzi in panchina, principale protagonista della cavalcata trionfale conclusasi con la vittoria della finale (in 3 gare) contro l'osticissimo Santarcangelo.
Il lavoro di "Rega" in riva al Sillaro dura però solo una stagione, al suo posto arriva Giampiero Serio per un esordio in C Gold in cui il bilancio è più che positivo, con il lockdown che congela il campionato dopo 20 giornate con l'Olimpia al 4° posto (12 vinte - 8 perse).
La nostra storia continua, siamo in C Gold e ci piacerebbe rimanerci a lungo, quindi continuate a sostenerci come avete fatto in questi primi 15 anni di storia nerazzurra. Forza Olimpia Castello.

ASD OLIMPIA CASTELLO
#olimpiacastello

Altre Pagine

 
13 settembre 2019

DIVENTA UNO SPONSOR OLIMPIA CASTELLO

 
A.S.D. OLIMPIA CASTELLO
VIALE TERME, 840
CASTEL SAN PIETRO TERME
40024
Tel: +393482626145
P.iva: 00599421203
Cf: 03158270375